Rifiuti: guida ISPRA allo smaltimento in discarica

Uno strumento di supporto relativo al pretrattamento dei rifiuti da allocare in discarica

Rifiuti: guida ISPRA allo smaltimento in discarica

ISPRA ha realizzato in luglio, la guida: “Criteri tecnici per stabilire quando il trattamento non è necessario ai fini dello smaltimento dei rifiuti in discarica ai sensi dell’art. 48 della L.28 Dicembre 2015 n.221“.
Si tratta di uno strumento che fornisce i criteri tecnicidi supporto all’implementazione dell’articolo 7 comma 1, lettera b), del decreto legislativo 13 gennaio 2003, n. 36, relativo al pretrattamento (vedi par. 2 della Guida) dei rifiuti da allocare in discarica.

Spiegano i commentatori ISPRA che per diverse tipologie di rifiuti, il d.lgs. n. 36/2003 (articolo 6) e, in generale, la normativa di settore prevede espliciti divieti di smaltimento in discarica. Per tali rifiuti, individuati nel paragrafo 3 della guida: non è pertanto, necessario individuare criteri tecnici.
Pertanto, la linea guida tratta effettua una classificazione e caratterizzazione dei rifiutidistinguendo separatamente i rifiuti urbani (trattati al paragrafo 4) dai rifiuti speciali (trattati al paragrafo 5).

Per stabilire i criteri da applicare, ai fini della valutazione dell’efficacia del pretrattamento o, eventualmente, della non necessità dello stesso i rifiuti, sono stati distinti in base alle specifiche caratteristiche, in specifiche tipologie:
–rifiuti che possono richiedere, in funzione dello stato fisico, un trattamento di disidratazione;
–rifiuti biodegradabili e putrescibili;
–rifiuti a matrice organica;
–rifiuti a base di amianto o contenenti amianto

Nel paragrafo 6 sono, infine, individuati i rifiuti non direttamente riconducibili a una delle suddette tipologie, per i quali la valutazione andrà effettuata caso per caso.

Riferimenti bibliografici:
Criteri tecnici per stabilire quando il trattamento non è necessario ai fini dello smaltimento dei rifiuti in discarica ai sensi dell’art. 48 della L.28 Dicembre 2015 n.221
Ispra
Luglio 2016

www.isprambiente.gov.it

(13 dicembre 2016 – Fonte: “ www.insic.it”)